Il viaggio sarà confermato con minimo 25 partecipanti.

Lanzo Torinese e Ciriè: un tuffo nella storia medievale piemontese

Domenica 14 Novembre 2021

GREEN PASS  obbligatorio

 

€ 65,00
COSTO DI PARTECIPAZIONE A PERSONA

Ritrovo dei partecipanti a Chieri, sistemazione in autobus GT e partenza per le Valli di Lanzo. Arrivo a Lanzo Torinese e visita del centro urbano economicamente più rilevante della valle. La città è situata in una posizione presidiata sin dall’epoca romana, trovandosi in un territorio altisonante della regione sabauda. Il suo massimo sviluppo inizia con l’affermazione dell’egida imposta da Vittorio Emanuele II che le permise di diventare uno dei massimi luoghi di villeggiatura, arricchito con eleganti residenze e stabilimenti industriali. Oggi Lanzo Torinese è una città molto attiva dal punto di vista culturale, tra musei e attività che coinvolgono non solo i cittadini ma anche i turisti permettendo di conoscere la sua storia e quella del territorio nella quale si trova. La sua vera anima si trova nelle chiese disseminate per il centro, tra santuari, parrocchie riccamente decorate, eremi e la Casa dell’Eremita. Il simbolo della città però è il leggendario Ponte del Diavolo o Ponte del Ròch, risalente al 1378, costruito a schiena d’asino sul fiume Stura e situato nel Parco del Ponte del Diavolo. La leggenda racconta che sia stato il Diavolo in persona ad erigerlo, pretendendo in cambio l’anima del primo passante come pegno per la costruzione. La popolazione manda però un cagnolino ad attraversare il ponte, facendo andare su tutte le furie il Diavolo che, battendo i piedi dalla rabbia, dà origine alle Marmitte dei Giganti, in realtà fenomeni geologici indotti da accadimenti erosivi sulle rocce circostanti.

Al termine, pranzo in ristorante.

Dopo pranzo trasferimento a Cirié, importante centro della Provincia di Torino circondato dal naturale scenario prealpino. Il suo antico nome "Cerretum" e le tracce d’epoca romana riconducono la sua fondazione al tempo della conquista romana della Gallia Cisalpina, quando fa il suo ingresso ufficiale nella storia grazie alla sua strategica posizione vicino ai torrenti Banna e Stura, allo sbocco di tre Valli e a cavallo di un nodo stradale importantissimo. A Ciriè esisteva già prima del XIII secolo un importante Castello che divenne nel secolo successivo la dimora della Marchesa Margherita, vedova di Monferrato e figlia di Amedeo V di Savoia, che vi portò una corte festosa e vivace. Questo fu un periodo di grande prosperità per la città che si animò con nobili famiglie, le quali diedero un nuovo volto al paese. Forte di passato, Ciriè conserva con fierezza vestigia di epoche storiche ben mantenute nel tempo: una vecchia torre testimonia come attorno al 1300 il Borgo fosse racchiuso entro una solida cerchia di mura; le quattrocentesche case con facciata in cotto ancora ben conservate lungo la strada maestra e sostenute dai bassi portici. Qui inoltre si trovano due piccole chiese, poco conosciute ma dal grande fascino: la Chiesa di San Martino in Liramo e quella di Santa Maria di Spinerano. Risalenti all’XI secolo, sono tra le più importanti costruzioni romaniche del Canavese al punto che la prima è stata dichiarata Monumento Nazionale nel 1910.
Al termine delle visite, ritrovo con il bus e rientro a Chieri.

N.B:
1. L’ORDINE DELLE VISITE POTREBBE SUBIRE VARIAZIONI LASCIANDO TUTTAVIA INALTERATO IL CONTENUTO DEL PROGRAMMA
2. GARANTIAMO IL RIMBORSO della quota versata (non derivante da voucher) nel caso in cui dovessimo annullare il viaggio o posticiparlo a nuova data a causa di restrizioni Covid. Il rimborso avverrà entro 7 giorni dalla data di annullamento.

La Quota comprende: La Quota non comprende:
  •          Viaggio in autobus GT riservato
  •          Spese di autostrade e parcheggi
  •          Visite come da programma
  •          Pranzo in ristorante con 3 portate
  •          Assistenza di accompagnatore di agenzia
  •          Eventuali ingressi non previsti al momento della stesura del programma
  •          Tutto quanto non espressamente indicata ne “la quota comprende”

LINEE GUIDA DI COMPORTAMENTO DURANTE LE VISITE GUIDATE:

- Prima di effettuare la visita ciascun partecipante è tenuto a misurare la temperatura corporea a casa. Le visite non sono consentite nel caso in cui la temperatura superi i 37,5°;
- Compilare l’autocertificazione che verrà fornita dall’accompagnatore prima dell’inizio della visita;
- E’ obbligatorio indossare le mascherine, sia negli spazi aperti che in quelli chiusi, in maniera corretta e  che garantiscano la copertura di naso e bocca;
- Durante la visita è obbligatorio mantenere la distanza di almeno 1 metro dagli altri partecipanti
- Guanti e igienizzante per le mani non sono obbligatori ma sono comunque raccomandati

LINEE GUIDA DI COMPORTAMENTO DURANTE I TRASFERIMENTI IN AUTOBUS:

- I posti sull’autobus saranno pre-assegnati dall’agenzia e garantiranno le distanze di sicurezza imposte dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che possono variare dal momento della prenotazione al giorno della partenza effettiva del viaggio;
-  La salita e la discesa dall’autobus dovranno essere effettuati in maniera tale da mantenere la distanza di sicurezza minima di almeno 1 metro;
- Gli autobus della Autoservizi Rosso sono regolarmente igienizzati e sanificati prima e dopo ogni servizio;
- La sera precedente il servizio all’interno dei bus della Autoservizi Rosso viene vaporizzata una sostanza antibatterica al fine di sanificare l’ambiente;
- La manutenzione dell’impianto di condizionamento dei bus Autoservizi Rosso è regolarmente effettuata dalle officine di assistenza e a seguito dell’emergenza Covid-19, implementata con prodotti sanificanti. 


Prodotti Correlati